Se vuoi contattarci, scrivi a:
redazione.auto-e-co@team503.it
Seguici su Twitter: @auto_e_co

23 luglio 2015

Grosse novità in casa FCA

Dopo anni di purgatorio, in cui la gamma Alfa Romeo era rimasta basata esclusivamente sulle due volumi MiTo e Giulietta, con la 4C a fare da ciliegina su una torta che non c'era, è finalmente arrivato il momento della riscossa per gli alfisti irriducibili. La nuova Alfa Romeo Giulia (per fortuna alla fine si è deciso di battezzarla proprio così) ha fatto girare la testa a molti appassionati, anche perché, con astuta strategia di marketing, l'esemplare scelto per il debutto non è una Giulia qualsiasi, ma bensì una Quadrifoglio Verde, con tutti gli accorgimenti estetici del caso (prese d'aria ampie, splitter anteriore attivo, come si vede anche nello spot pubblicitario, diffusore con doppi scarichi integrati al posteriore…). Ma quello che ha fatto venire l'acquolina in bocca agli appassionati, e che forse convincerà i fortunati che potranno permettersela a metter mano al portafogli, sono i pochissimi dati tecnici diffusi; uno su tutti: la potenza, 510 cv, per capirci gli stessi sprigionati dal V8 della Ferrari 458 Italia da poco uscita di produzione. In questo caso, però, tanta cavalleria viene erogata da un V6 (frazionamento storico per l'Alfa) sovralimentato con due turbocompressori "ispirato dalla Ferrari" (riesce piuttosto facile immaginare una parentela con l'analoga unità che equipaggia la Maserati Ghibli). Ovviamente, questo implica un altro grande ritorno per l'Alfa Romeo, la trazione posteriore, che su alcune versioni (la Quadrifoglio Verde è una di queste) viene sostituita da un'integrale di stampo sportivo. A ciò si aggiunge un bilanciamento dei pesi perfetto fra anteriore e posteriore, che dovrebbe garantire la guidabilità che ha fatto la storia del marchio del Biscione.
A proposito del marchio, il lancio della Giulia ha fornito l'occasione per un restyling dello storico logo, ma non preoccupatevi, è sempre Alfa.
Le sorprese, però, non finiscono qui per il gruppo FCA. Si è di recente sottoposta a un restyling l'altra icona di casa, la 500. Nuovi gruppi ottici all'anteriore e al posteriore (alquanto strambi questi ultimi, con la carrozzeria al centro del proiettore; ci vorrà un po' per abituarsi), paraurti anteriore ridisegnato e una nuova plancia che integra un nuovo sistema di intrattenimento, con un display ampio e due manopole che ricordano molto le recenti strumentazioni Volkswagen.
Insomma, a quanto pare c'è ancora vita in casa Fiat…

Alessandro

Auto & co. è un giornale amatoriale SENZA SCOPO DI LUCRO. Tutte le immagini presenti nel sito sono utilizzate A SCOPO PURAMENTE ILLUSTRATIVO e i diritti sulla loro riproduzione sono concessi secondo i termini delle licenze indicate. Per maggiori informazioni vai a:
http://www.creativecommons.it/Licenze